jump to navigation

wip 11 giugno 2008, 12:38 AM'

Posted by jiwaki in architettura, roma.
add a comment

visto che più volte in questi giorni è ricorsa la domanda “che catramoso kalashnikov cangiante stai facendo?”, lascio due immagini di quello su cui sto lavorando da un po’ di tempo. è un padiglione espositivo. costruirne il modello è meglio di shangai (il gioco) e qualche volta meglio che mettere un uovo in equilibrio in verticale. senza romperlo.
che? ancora a colombo stiamo?

il modello è solo all’inizio. finito, e cento volte più grande, è fatto per stare .

si aprono le cateratte 9 giugno 2008, 2:18 AM'

Posted by jiwaki in notturno.
1 comment so far

si aprono le cateratte, esonda tutto il fango, esonda. trattenuto per mesi, anni forse -pieno di tronchi, giunchi, rocce, cadaveri, ossa, rami putridi- finalmente libero, straripa, invade. tutto quello che era sepolto affiora in superficie. la sudicia melma prende acqua, pioggia, grandine. si diluisce? si seccherà al primo sole, ora che è sparsa dappertutto. si scioglierà piano piano. i suoi resti spariranno. lavoro da saprofagi.

pensatoi per automobilisti 5 giugno 2008, 9:33 PM'

Posted by jiwaki in distillati, milano.
1 comment so far

passa l’asfalto della tangenziale est -luogo di raccoglimento abituale per chi transita- e in questi chilometri assorbe bene l’acqua, ma inganna sulla quantità. i camion sollevano nuvole che si avvolgono dietro di me in turbini scomposti, più in basso le case, e io mi sento manfred sul fokker rosso in un giovedì di pioggia d’ottobre.
è giugno.
beh, anche la tangenziale non è il fronte francese.

c’è molto di più, ma è tutto rimasto lassù.
.
.
.
“il fokker, fico…”
“ricardo!”
“what?”
“nothing”

quando dico sedicente sedicenne.